venerdì 1 novembre 2013

ZEF: you're poor but you're fancy


La Zephyr era un'auto della Ford prodotta dal 1950 al 1972 nel Regno Unito, auto da cui prende il nome una tendenza che non suonerà per niente nuova a chi ascolta i Die Antwoord o Jack Parow: ZEF.
Il modello che vedete nell'immagine qui sopra era particolarmente diffuso nella working class sudafricana, ed è così presto diventato un noto simbolo della cultura popolare a Johannesburg. ZEF era infatti un nomignolo un po' snob con cui in quel periodo la classe medio-alta usava prendere in giro ceti meno benestanti rispetto a loro: operai, commessi, persone uscite dalla scuole popolari che conducevano uno stile di vita lontano dalla povertà, ma che venivano comunque inseriti in un gradino inferiore della scala sociale, definiti ignoranti e sempliciotti.

Die Antwoord
Jack Parow
Oggi però il termine assume una nuova connotazione, Yolandi Visser dice:«Sei povero ma hai estro, sei povero ma sei anche sexy, hai stile».
ZEF non è più un termine denigratorio, ma un movimento culturale colorato e originale che influenza trasversalmente moda e musica, in cui elementi della cultura pop degli anni '70 e '80 si mischiano a quella gangster, qualcosa che ricorda l'abbigliamento tipico del white trash ma che si differenzia da quest'ultimo per positività e consapevolezza: si è volutamente eccentrici, kitch, decisamente trash. I vestiti griffati non li vuole nessuno, si è snob nei confronti di chi è snob. 

Via ZEF TO DEATH https://www.facebook.com/zeftofokkendeath

Via ZEF TO DEATH https://www.facebook.com/zeftofokkendeath
Via ZEF TO DEATH https://www.facebook.com/zeftofokkendeath
Via ZEF TO DEATH https://www.facebook.com/zeftofokkendeath
Via ZEF TO DEATH https://www.facebook.com/zeftofokkendeath
C'è di tutto: colori vivaci abbinati quasi in modo casuale, tagli di capelli bizzarri, tatuaggi dai tratti semplici, oro finto e pose da rapper: non ci sono in realtà regole precise da rispettare, l'unico canone da seguire è quello della creatività e dell'eccesso, un'esplosione di cultura trash-pop che ormai, grazie soprattutto ai Die Antwoord, è spopolata oltreoceano e coinvolge tantissimi giovani negli States così come in Europa. 
Non troverete mai negozi ZEF: vi basterà aprite l'armadio e ripescate quella felpa che usavate alle medie (magari quella da giocatore di basket), riempire di scritte e disegni un vostro vecchio pantalone e indossare con orgoglio una finta catena alla 2pac. You're poor, but you're fancy.




Nessun commento:

Posta un commento