giovedì 21 maggio 2015

Elisabetta Ferracini volante vs Sailor Moon Gigante #TrashBackThursday

Se siete nati nel 1990equalcosa avrete sicuramente passato pomeriggi interi in compagnia di Elisabetta Ferracini che presentava Solletico. E sì, anche di Mauro Serio, che però mi stava antipatico e quindi facciamo finta che non ci fosse.
Dicevo, Elisabetta Ferracini è stata la nostra principale compagna d'infanzia; così carina, così dolce, così simpatica, sempre calma, sempre posata, con quell'attitudine zen che il Dalai Lama se la sogna... per me lei era come la fatina buona, una sorta di essere mitologico e salvifico capace di curare ogni male, di far passare qualsiasi malumore. Cazzo, guardala quant'è tenera, come fai a fare i capricci perché tua nonna non ti fa fare merenda prima delle cinque se ti ritrovi di fronte a una presenza così fresca e confortante?


Da sinistra a destra: "Capelli alla Rachel di Friends" e "Mauro antipatico, io non ti ci volevo a Solletico!"
Insomma, avrete capito che la Ferracini è un personaggio che da bambino ho idealizzato tantissimo: lei era perfetta sotto ogni aspetto, bella, brava, buona... un vero angelo. Ricordo ancora la sua vocina dolce, quell'intervista da Paolo Limiti in cui diceva di mantenere la linea perché non mangiava mai piatti composti, o qualcosa del genere. Ma quanto era adorabile!
Gli anni passarono però, di lei in TV ci furono sempre meno tracce e, lentamente, la mia compagna di avventure sparì nell'oblio... almeno fino a qualche settimana fa. Il 9 maggio vidi infatti un suo tweet in cui era visibilmente furiosa per un titolo fuorviante che riguardava lei e sua madre, Mara Venier, sulla rivista Gente. Ma come?! Elisabetta non si arrabbia! Elisabetta è buona, lei porge l'altra guancia! Cos'è questa storia!?

Fu lì che iniziai a mettere in dubbio le mie certezze, a pensare che forse i miei ricordi erano un tantino falsati dalla mia pura innocenza infantile... cercai di non pensarci per qualche giorno, mi convinsi che in fondo quelli di Gente l'avevano fatta grossa, che avere una reazione era normale e che la sua alla fine era stata anche piuttosto pacata. Ve lo giuro, ero certo che in cuor suo lei li avesse anche già perdonati. Poi, una mattina, mentre facevo scrolling compulsivo della mia home di Facebook, mi imbattei in questo video. Dovetti togliermi i prosciutti dagli occhi, qualsiasi mia precedente idealizzazione scoppiò come una bolla di sapone.



Lo vedete anche voi? In questa pubblicità Elisabetta era visibilmente scazzata! Non gliene fregava niente! FINGEVA, PERDIO! Nemmeno si sforzava di recitare, di non rendere palese il fatto che stesse leggendo! Me la immagino entrare nello studio, di fronte al green screen, fare qualche falsissimo sorriso di circostanza, assumere un tono pseudo-convincente ponendo l'accento su parole a caso, finire tutto in fretta e furia per poi tornare a casa, felice e contenta con il suo assegno.
Ci sono certi momenti in cui nei suoi occhi si legge solo ed esclusivamente fastidio e sofferenza. Avrebbe voluto essere ovunque tranne che in quel lercio set televisivo... ed io ai tempi ero troppo ingenuo per capirlo.

Uno sguardo che urla:"Uccidimi". #CheBelloDiventareSailorMoon
Come se non fosse abbastanza, non solo dovetti affrontare il non poter più fare affidamento sul suo infinito amore per noi bambini (ho scritto davvero noi bambini?), ma dovetti pure fare i conti col fatto che quelle pubblicità, a prescindere dalla prestazione di Elisabetta, erano veramente, ma veramente brutte e mostruose! Un vero teatrino degli orrori! Mi chiedo come facevo a non rendermene conto quando ero piccolo; ora finalmente capisco l'origine di tante mie paure.


Perché ha quella voce elettronica? E perché al minuto minuto 2.20 spunta dal nulla, volando? E quanto è inquietante quella Sailor Moon Gigante? La sta per mangiare? Perché è così grande? Ma che cazzo è, Godzilla?! Guardatela nelle palle degli occhi... non lo vedete che è malvagia!? Quella è la faccia del maligno... Non penso ci sia niente di più perturbante.
E al minuto 1.27? No dico... è uno scherzo? Sta simulando un parto? Perché!? Ma che razza di mente diabolica può aver realizzato un'animazione del genere?


Per non parlare di cosa accade nell'ultimo spot, al minuto 2.53. La chiamavano Elicottero Ferracini.


Il #TrashBackThursday di questa settimana si conclude con una nota amara. Ancora adesso, nonostante tutto, faccio davvero fatica ad accettare che l'angelica Elisabetta Ferracini dei miei ricordi in realtà non sia mai esistita. Era solo un'attrice pagata per intrattenere dei bambocci come me, una pedina, una dannata pedina nello spietato mondo dello showbiz. Penso di non voler approfondire ulteriormente la cosa. E se scoprissi che nel tempo libero dice anche le parolacce? O che non va in chiesa? O che fuma!?

Chissà invece come sta Mauro Serio...

2 commenti:

  1. ELISABETTA FERRACINI.
    Erano anni che non sentivo più il suo nome se non nella mia testa. Hai riportato in auge Elisabetta Ferracini. AIUTO.
    Comunque Mauro Serio è stato sia ne "I Cesaroni" che nella serie tv "La Ladra" e ora invece è su DisneyChannel a fare "Fiore e Tinelli", grandi produzioni...
    In ogni caso la santissima Elisabetta è stata solo drogata per quello spot, non ci sono ragioni. Nemmeno Moira Orfei o Paris Hilton avrebbero partecipato ad una cosa così tanto trash.
    Ahahaha in ogni caso sei uno scrittore, ed un trash-man, fantastico! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa se ti rispondo con giorni di ritardo, ma ho un problema a capire come funzionano le notifiche di blogger! :D
      Tanti cuori per Moira e Paris <3 <3 <3 Almeno Moira avrebbe volato con più convinzione secondo me, e Paris... Paris è fantastica sempre e comunque! E comunque nessuno mi aveva mai definito trash-man (e scrittore), grazie mille!!! :-)

      Elimina