giovedì 18 giugno 2015

Prima Magalli, poi Gianni Morandi... chi sarà il prossimo? #TrashBackThursday


Vi giuro che per un bel po' ho pensato:"Magalli sarà per sempre il Re dell'Internet". Abituato alla velocità con cui i fenomeni sul web nascono e muoiono, la sua lunga permanenza sulla cresta dell'onda mi ha portato a pensare che lui sarebbe stato destinato a regnare per sempre sulle lande desolate dello cyberspazio. Poi invece è arrivato Gianni Morandi e ha mandato tutto in merda!
Chiariamo un concetto: Gianni Morandi non sarà mai come Magalli. Magalli aveva la faccia più simpatica di tutti, uno sguardo dolce come quello di un lemure topo e lo charme di un gatto in giacca e cravatta. Magalli non aveva una personalità ben definita, Magalli faceva lo gnorri, la sua ascesa nel mondo virtuale del porno gratis e degli animali che fanno cose divertenti era del tutto immotivata e non sense; ed era fantastico! Ogni giorno ti ritrovavi la timeline di Facebook intasata da immagini come:"Condividi un Magalli sulla bacheca del tuo migliore amico", tu fissavi la sua testina spelucchiata, non avevi la minima idea del perché quella frase fosse così convincente e alla fine lo facevi. LO FACEVI, CAZZO SE LO FACEVI!
Ero quasi arrivato a credere che Magalli sarebbe addirittura diventato il presidente della Repubblica, e invece nulla, è arrivato quello sciacallo di Gianni Morandi, ha letteralmente pisciato in testa al nostro amato amico rotondo e puccioso e si è rubato tutti gli spazi che un tempo ospitavano immagini ben più importanti dei suoi ridondanti video e dei suoi commenti (Vedi: 1 Magalli = 1 Pray).



Però una magra consolazione ce l'ho, 'sta volta non mi lascerò fregare dalle apparenze: se anche il prosperoso regno di Magalli alla fine è caduto, prima o poi Gianni Morandi perderà la sua visibilità, prima o poi tutti si annoieranno delle battute sulla sua presunta coprofagia, delle sue mani giganti, delle sue risposte à la Dalai Lama dei poveracci, e dei suoi video del tutto inutili. Gianni, anche tu prima o poi dovrai abdicare!
Ma chi sarà il suo successore? Chi è il più papabile per il trono dell'Internet? Cosa dobbiamo aspettarci dal futuro? Quale faccione conquisterà i nostri cuori?
Su Popular Shit l'ignoto ci inquieta, per questo non indugiamo oltre e analizziamo subito la lista dei personaggi ormai dimenticati dal grande pubblico che potrebbero respirare una ventata di aria fresca grazie a una plausibile ma immotivata notorietà sul web.

1. MAURIZIO COSTANZO

via
Sono ormai mesi che il faccione di Costanzo compare sempre più spesso sulle nostre home di Facebook. Che non sia proprio lui il nuovo volto dei cazzoni dell'internet?
PRO:
- Non ha il collo;
- Dice:"Boni".

CONTRO
- Non ha il collo;
- non ha abbastanza carisma. 



━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━

2. TOTO CUTUGNO

In realtà in qualche modo è stato già abbastanza famoso sul web grazie alla pagina "La stessa foto di Toto Cutugno ogni giorno" che, per l'appunto, pubblica la stessa foto di Toto Cutugno ogni giorno e che ha raggiunto migliaia di mi piace in pochissimo tempo senza un apparente motivo (diventando così oggetto di studio accademico). Però diciamo che con 68 mila "mi piace" e qualche articoletto di giornale non è sicuramente stato il vero re, al limite il principe (o il giullare di corte).
Comunque il potenziale c'è, tutto dipende da come Toto Cutugno in persona deciderà di sfruttare la cosa.



PRO: 
- Ha dell'ottimo potenziale.

CONTRO:
- Questo video:

━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━

3. PIPPO FRANCO

Pippo Franco è decisamente il mio preferito. Voglio dire, la faccia da gnorri c'è, una carriera all'insegna del nonsense e del fancazzismo pure... cosa vogliamo di più? Internet, cosa stai aspettando per sfogare la tua creatività a base di meme e battute puerili sul volto del nostro Pippo nazionale?








PRO:
- Si chiama sia Pippo che Franco;
- Fa delle espressioni simpatiche che non sono simpatiche.

CONTRO:
Nessuno. E' semplicemente perfetto.




4. PAOLO LIMITI

Anche Paolo sa il fatto suo. Ha circa novant'anni ma continua a sfoggiare una folta chioma di capelli color rossiccio innaturale (oltre a essere l'autore delle canzoni di Mina sarà il responsabile della sua tinta?) e degli outfit del tutto discutibili. Lo ricordiamo tutti per aver portato all'attenzione del pubblico italiano personaggi di un certo spessore, come Justine Mattera. Ma è mai possibile che nessuno abbia avuto il coraggio di dirgli che non assomiglia assolutamente a Marilyn Monroe?
E poi c'è Flora Dora. No dico, Signor Internet, sai potenzialmente quanti like può procurae Flora Dora?


PRO:
- Ha dei capelli brutti;
- ha uno strano rapporto con Flora Dora.
- il suo cognome finisce in "i", quindi si può scrivere Limity.

CONTRO:
- Chi è Paolo Limiti?


5. MASSIMO BOLDI

Massimo, smettila di sfornare cinepanettoni, ché tanto non li guarda più nessuno! Prendi l'iphone, fatti qualche selfie mentre fai delle smorfie e facce ride'!!!









PRO:
- Ha la pelata come Magalli;
- il suo nome è perfetto per essere internetizzato ( W Masseemo Bouldy)
- fa delle smorfie davvero belline.

CONTRO:
- Su twitter insulta tutti, il che non è l'ideale se si vuole sfondare sui social.


━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━━


Questi secondo me sono i personaggi del tutto inutili dello spettacolo italiano che potrebbero ritrovarsi al centro della tempesta goliardica internettiana da qui a pochi mesi/settimane. Secondo voi chi vincerà? Avreste altri re da proporre? Fatemelo sapere con un commento, così mi gaso, penso di essere un blogger influente con un sacco di followers e non vi rispondo.
Io comunque spero sempre che Pippo Franco batta tutti, ma la realtà è che nessuno gli vuole bene quanto gliene voglio io. Non so se avrò mai la soddisfazione di vedere i miei contatti condividere entusiasti l'ultimo meme di Pippo su Facebook, ma in fondo non si può avere tutto dalla vita. Mi accontenterò di essere nato nell'epoca giusta: quella dei vip sessantenni e settantenni che scoprono la rete.

P.S: Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo. 1 share = 1 Flora Dora.


Nessun commento:

Posta un commento