martedì 15 settembre 2015

Paola Barale come orientamento religioso, limonare duro e classismo #PechinoExpress

E niente, ci ho proprio preso gusto a commentare Pechino Express, ormai nel mio mondo alternativo/immaginario io, Paola Barale e Costantino Della Gherardesca siamo amici per la pelle.

Da sinistra a destra: Sir Pacchiano, Paola Barale, Costantino Della Gherardesca.
Mi aspettavo un sacco di cose a caso, e un sacco di cose a caso sono successe infatti: gente che limona con sconosciuti per strada, tizi brutti in mutande, Scialpy che sembra avere l'eyeliner, Paola Barale che alleva i muli, Costantino Della Gherardesca che lancia fuochi di artificio come Katy Perry, Naike Rivelli che ogni tanto parla in inglese con i compagni di viaggio madrelingua italiani senza alcun cazzo di motivo, Naike Rivelli che limona il figlio di Albano, Naike Rivelli che limona con chiunque, Naike Rivelli.

Costantino Della Gherardesca is the new Katy Perry

Partiamo dal principio: sarebbero dovuti arrivare due nuovi concorrenti di nome Ciccio e Philippe; di chi potesse essere Ciccio non ne avevo la più pallida idea, ma per quanto riguarda Philippe io avrei puntato tutto su Philippe Daverio... e invece sono arrivati Philippe Leveille e Ciccio Sultano. Vi state chiedendo "Chi cazzo sono?" Me lo sto chiedendo anche io.

Philippe Leveille è un tizio a caso uguale a Yari Carrisi, Ciccio invece è un incrocio tra Massimo Boldi da giovane e il Mago Otelma; la caratteristica principale di questi ultimi è non parlare mai e per nessun motivo, essere meno noti dei cetriolini sottaceto che tengo in frigo dal dicembre del 2007 e avere la stessa personalità del mio scaldabagno. Ciccio oltretutto è sempre in mutande, il che non corrisponde a una buona notizia per nessuno visto la descrizione che ne ho dato. Ah, sono pure entrati come concorrenti fissi. Che culo.

Sono tutti e tre chiaramente la stessa persona.


Passando da cose schifose a cose ancora più schifose, Naike Rivelli e Yari Carrisi hanno sfranellato come i peggio tredicenni per tutta la puntata. Ma per fortuna Yari è stato eliminato dal fratello di Naike, che ha preferito salvare quelle gran belle gnocche delle professoresse piuttosto che fare un favore alla sorella; situazione ironica dopo l'uscita infelice sui trascorsi di sesso tra Antipodi e Espatriati della scorsa puntata, quando si dice il karma! Ecco il mio personale saluto alla coppia degli illuminati:


In tutto ciò gli Antipodi sono completamente spariti (unica scena degna di nota: Pinna che dice "top" a Roberto mentre solleva delle banane), le Professoresse le abbiamo notate solo perché rischiavano l'eliminazione, gli Espatriati continuano ad avere quel carattere irritante da ventenni pazzerelli à la Gugliemo Scilla, mentre Shalpy pareva Pochaontas e piangeva senza motivo ogni tre secondi. Le Persiane invece si sono fatte notare per il loro approccio per niente post colonialista e classista nei confronti delle popolazioni indigene; ricordiamo frasi pregne di modernità come "Letto sporca, ma questo gente c'ha cuore pulita" e "Io subito mi son presa un espazzino, era anche carino".


Naike Rivelli Yari Carrisi
Cose brutte.
Ma veniamo finalmente alle cose belle: Paola Barale. In questa puntata la nostra Madonna Ciccone ha dovuto affrontare le prove da sola, visto che il compagno di squadra si è infortunato. E così, mentre tutti trasportavano paglia su una montagna a 4000 metri di quota, in preda alla disperazione più totale, lei, tutta sola soletta, probabilmente in preda ai fumi di chissà quale sostanza, ha proseguito senza lamentarsi, passeggiando allegramente manco stesse facendo un giro di shopping in via dei Condotti, ha sbeffeggiato le Persiane con un:"Chao Muchachas", ha portato a passeggio un mulo così come Paris Hilton porterebbe a passeggio il suo chiwawa (che tra l'altro è passato a miglior vita, R.I.P.) e ha pure vinto la sfida! La sera stessa si è riposata su un terrazzo, godendosi un bellissimo tramonto con tanto di arcobaleno, regalandoci un'immagine che porrà le basi per l'imminente organizzazione religiosa a base di Paola Barale.





Infine, voglio chiudere il post con due foto che immortalano Costantino Della Gherardesca insieme a un lama e a un capibara; vi avviso, si tratta di davvero troppa carineria tutta concentrata in sole due foto, se siete allergici non continuate a scorrere, o farete la fine del tizio di Scrubs! VOGLIO UN CAPIBARA *_*



Seguimi su Instagram e Twitter: @SirPacchiano

Nessun commento:

Posta un commento